Dodecaneso  
Il sito italiano sulla storia antica e moderna delle isole dell'Egeo   

   

 1306-1522  1522-1912

 1912-1943

      1943-1945   

 1945-1947  1947

Isole dell'Egeo, i grandi temi d'attualità.   

Il passaggio delle isole sotto la sovranità della Grecia nel 1947 non ha cancellato i problemi storico politici derivanti da secoli di storia, primo fra tutti quello dei rapporti con la Turchia. Oltre alle questioni di politica internazionale riguardanti il Mediterraneo Orientale, un'altra pesante eredità del secondo conflitto mondiale fu la crisi economica  che determinò un forte flusso migratorio della popolazione verso i paesi occidentali e sopratutto verso gli USA. Oggi questi problemi sembrano superati grazie al boom turistico ma sono nate altre grandi questioni che toccano l'ambiente, il turismo, la conservazione del patrimonio storico culturale. Non sembra che le amministrazioni locali, precedenti ed attuali, si siano distinte per l'attenzione verso questi temi nè che abbiano definito un "modello di sviluppo sostenibile" per un territorio "vulnerabile" come quello insulare. In queste pagine ci proponiamo di proporre una panoramica su questi temi augurandoci che siano materia di stimolo e di confronto per tutti coloro che in qualche modo sono coinvolti, in veste di cittadini, amministratori, turisti o persone comuni a cui stia a cuore il futuro di queste splendide isole.

Le risorse idriche

L'allarme sullo sperpero  insostenibile delle risorse idriche a Rodi è stato lanciato da più parti, il territorio delle isole è molto fragile ed è seriamente minacciato dagli interessi economici prevalenti. Nell'isola di Rodi le forniture idriche provengono esclusivamente dalle falde acquifere e dalle riserve idriche costituite dal bacino di Apollakia e dalla diga sul Gadouras. Uno studio elaborato dai prof. Manoli ed Assimacopoulos, del Politecnico di Atene, propone la realizzazione di un impianto alternativo di desalinizzazione.

 
Aegek announces that on 20.2.2004 it signed jointly with the company METON S.A. a new complementary contract concerning the project 'Irrigation of Rhodes island from 'Gadouras' dam. Construction of 'Gadouras' dam. Owner of the project is the Ministry of public works and the budget of this complementary contract amounts to 4,590,060 euros. The project is constructed by the joint venture METON-AEGEK

La costruzione della diga sul torrente Gadouras (2001 - 2004) 

 

Il Ghizani un pesce minacciato d'estinzione

 

Il Ladigesocypris ghigii* (Pisces, Cyprinidae), comunemente chiamato ghizani, è un pesce di piccole dimensioni che vive esclusivamente nelle acque dolci dell'isola di Rodi. La denominazione, sia comune che scientifica, è derivata dal nome del suo scopritore, il prof. Alessandro Ghigi che lo raccolse durante una serie di "Ricerche Faunistiche nelle Isole Italiane dell'Egeo", ai primi del 1900.

Lo si potrebbe anche chiamare un piccolo campione di sopravvivenza, dal momento che riesce a vivere nei fiumi e nei torrenti dell'isola caratterizzati da condizioni ambientali molto instabili, perchè straripano nei mesi invernali ma si prosciugano quasi completamente in quelli estivi.

Il suo ciclo vitale è perció relativamente breve (in natura vive in media tre anni), si nutre di un ampio spettro di alimenti e si riproduce massivamente in primavera ed estate.

È considerata una delle specie ittiche di acqua dolce più minacciate dal pericolo di estinzione in Europa, dal momento che una popolazione (quella del Lago Nani) è scomparsa durante l'ultimo decennio, mentre le rimanenti tendono ad un continuo degrado.
Il ghizani è protetto e tutelato dalla legislazione sia europea che ellenica. La specie è citata con priorità nell'Appendice II della Direttiva Europea per la Protezione dell'Ambiente (92/43/EEC) e nel Libro Rosso Ellenico delle Specie Minacciate. È inoltre protetta a livello nazionale dal Decreto Ministeriale 67/1981.
 

 

 

 

 

Il sito è tutelato da copyright, la riproduzione di testi, foto, disegni anche se parziale deve essere autorizzata dagli autori. Per ogni informazione scrivete all'indirizzo email della redazione